Disturbi alimentari: conoscere i tipi e i pericoli

Agosto 12, 2021

Un disturbo alimentare comporta gravi malattie fisiche e mentali che influenzano le idee e i pensieri delle persone sul cibo e sul mangiare. I disturbi alimentari sono più predominanti nelle femmine che nei maschi. Le vittime di questi disturbi sono all’interno dell’intera popolazione indipendentemente da etnia, età, sesso, genere e religione. I disturbi alimentari sono stati classificati nella categoria dei disturbi dell’alimentazione e dell’alimentazione. I disturbi sono descritti come aventi caratteristiche come avere determinati comportamenti legati all’alimentazione o disturbi alimentari persistenti che alterano il consumo o l’assorbimento del cibo. Tale alterazione compromette le funzioni psicosociali e la salute fisica generale. Inoltre, la categoria fornisce criteri diagnostici specifici per i disturbi alimentari, inclusi i disturbi della ruminazione e della pica, il disturbo da alimentazione incontrollata, l’anoressia nervosa, la condizione restrittiva dell’assunzione di cibo e la bulimia nervosa.

Fatti sui disturbi alimentari

Il disturbo alimentare è un tipo complicato di condizione di salute e differisce in base ai tipi di condizione e alle persone colpite. Tuttavia, alcuni fatti sui disturbi alimentari sono generali indipendentemente dalle persone sulla base di studi di ricerca. Uno dei fatti è che questi disturbi non sono discriminatori poiché si osservano in persone di tutte le razze, età, peso corporeo, origini etniche e generi. Inoltre, i disturbi alimentari si verificano tipicamente nella giovane età adulta o nell’adolescenza, sebbene queste condizioni non siano limitate a queste due categorie di età. Inoltre, i disturbi alimentari non sono causati da uno o da un fattore specifico. Gli studi dimostrano che diversi fattori biologici, genetici, psicologici, sociali e comportamentali aumentano i rischi di sviluppare disturbi alimentari. Un altro fatto è che i disturbi alimentari sono pericolosi per la vita nella maggior parte dei casi, soprattutto se non adeguatamente gestiti o trattati. Tuttavia, ci sono vari modi di recupero attraverso pratiche basate sull’evidenza che hanno dimostrato di funzionare.

Tipi di disturbi alimentari

Esistono varie condizioni alimentari tra le persone e le vittime possono svilupparne molte in un dato momento. I tipi includono il disturbo da alimentazione incontrollata, l’anoressia nervosa e la bulimia nervosa.

Le persone che hanno l’anoressia nervosa evitano calorie e cibo su se stesse verso l’auto-fame. Queste persone possono soffrire del disturbo indipendentemente dalle loro dimensioni corporee, poiché chiunque può averlo. Una delle caratteristiche della condizione è avere un desiderio compulsivo di perdere peso. L’altro si rifiuta di consumare quantità di cibo sano necessarie per il livello di attività corporea e il tipo di corpo. Le persone che soffrono di bulimia nervosa percepiscono di aver mangiato o mangiato grandi quantità di cibo in brevi periodi. Dopo aver mangiato, eliminano le calorie costringendosi a vomitare, a sottoporsi a un eccessivo esercizio fisico o a usare lassativi. L’idea principale è quella di sbarazzarsi del cibo dal loro corpo per paura di ingrassare e diventare sovrappeso o obesi.

D’altra parte, le vittime del disturbo da alimentazione incontrollata (BED) sono caratterizzate dalla mancanza di controllo sul loro comportamento alimentare. Possono percepire di aver già mangiato una grande quantità di cibo in un breve periodo di tempo, quindi sviluppare meccanismi compensatori come il vomito autoindotto del cibo che hanno mangiato per contrastare l’effetto delle abbuffate. In tal caso, diventano a disagio a causa del mangiare eccessivo; vergognarsi di se stessi, sviluppare sensi di colpa, pentirsi e deprimersi.

Sintomi dei disturbi alimentari

Questi disturbi si manifestano nelle persone in modo diverso in base al livello di complicanze causate da questa malattia mentale. Questi sintomi influenzano gli aspetti fisici, sociali e psicologici della salute di un individuo. Le varie manifestazioni delle condizioni potrebbero non determinare direttamente se si lotta con un disturbo alimentare sebbene alcuni sintomi agiscano come segnali di avvertimento. I sintomi sono stati classificati in fattori emotivi, comportamentali e fisici.

Sintomi emotivi e comportamentali

I sintomi emotivi e comportamentali includono sbalzi d’umore estremi, scelte, credenze e schemi che indicano desideri ossessivi per la perdita di peso; regole alimentari, dieta e modelli alimentari. Altri includono un’immagine corporea distorta, saltare i pasti, nascondere il cibo o mangiare da soli, ritiro dagli altri, intensa paura di ingrassare, difficoltà di concentrazione o processi di pensiero tangenziali. Allo stesso modo, ci sono altri sintomi come l’ossessione per il contenuto nutrizionale del cibo, il contenuto calorico e pensieri generali sul cibo.

Sintomi fisici

Un corpo affamato non può funzionare normalmente; in quanto, le persone alle prese con disturbi alimentari manifesteranno alcuni dei seguenti segni fisici. Questi includono grave costipazione, grave perdita di peso, pressione sanguigna anormale, polso e respirazione, pelle secca e pallida, affaticamento e debolezza generale del corpo. Inoltre, le vittime possono avere unghie e capelli fragili, amenorrea o perdita del ciclo mestruale nelle donne, debolezza muscolare, problemi gastrointestinali e sistema immunitario compromesso. Inoltre, le persone possono sviluppare una crescita di peli morbidi sulla maggior parte delle parti del corpo (lanugine); svenimenti, vertigini e varie altre malattie causate dalla malnutrizione.

Diagnosi dei disturbi alimentari

Gli operatori sanitari, compresi gli operatori di salute mentale e i medici, possono diagnosticare i disturbi alimentari. I fornitori di cure primarie iniziano esaminando i sintomi, eseguendo un esame fisico, esami del sangue. I consulenti per la salute mentale, inclusi psichiatri e psicologi, effettuano valutazioni psicologiche che li aiutano a comprendere i problemi alimentari del paziente ea sviluppare un piano di cura per il trattamento. Gli operatori sanitari utilizzano il manuale sui disturbi mentali sviluppato dalla Psychiatric Association of America per la diagnosi. All’interno del manuale, c’è uno schema dei diversi sintomi per i vari tipi di disturbi alimentari.

Effetti sulla salute e rischi dei disturbi alimentari

Oltre ai vari sintomi del disturbo alimentare emotivo, comportamentale e fisico, ci sono gravi conseguenze a lungo termine. Un’alimentazione disordinata porta alla denutrizione, che colpisce tutti gli organi del corpo come i sistemi cardiovascolare, cerebrale, gastrointestinale ed endocrino. La denutrizione porta alla debolezza generale di tutto il corpo. Di conseguenza, il cuore non è più abbastanza forte da pompare e far circolare il sangue in varie parti del corpo, alla fine si sviluppano pressione sanguigna anormale, polso e aumento del rischio di insufficienza cardiaca. Vomito eccessivo e risultato lassativo per uno squilibrio elettrolitico nel corpo. Inoltre, la denutrizione dovuta al disturbo alimentare contribuisce a indebolire il sistema immunitario esponendo così il corpo a varie malattie che risultano dalla sindrome metabolica.

Trattamento e gestione

Il trattamento dei disturbi alimentari varia a seconda della tipologia e delle specifiche esigenze del paziente. Se non si hanno casi diagnosticati, gli operatori sanitari affronterebbero e gestirebbero i disturbi alimentari. I vari metodi di trattamento per il trattamento dei disturbi alimentari includono la psicoterapia, i farmaci, l’approccio di Maudsley e la consulenza nutrizionale. Il trattamento di psicoterapia coinvolge professionisti della salute mentale che determinano la migliore terapia per ogni caso. La maggior parte dei casi di disturbi alimentari vede un miglioramento dopo le terapie cognitivo comportamentali. È una forma di trattamento che aiuta i pazienti a comprendere e trasformare i loro schemi di pensiero distorti che causano anomalie emotive e comportamentali. L’approccio di Maudsley è una forma di terapia che aiuta la famiglia dei pazienti adolescenti affetti da anoressia nervosa. Il metodo prevede che i genitori forniscano una guida attiva ai loro figli sul mangiare e sul mangiare sano.

Sotto farmaci, alcune vittime di disturbi alimentari sviluppano condizioni secondarie come depressione e ansia. Tali condizioni vengono trattate assumendo antidepressivi e altre forme di farmaci per il miglioramento. Di conseguenza; i pensieri delle vittime su se stesse e sui cibi diventano normali. Inoltre, attraverso la consulenza nutrizionale, i dietisti registrati che hanno una certa formazione sui disturbi alimentari aiutano le vittime a cambiare le loro abitudini alimentari, che include lo sviluppo di piani alimentari basati sulla nutrizione. Inoltre, tali specialisti forniscono alle vittime suggerimenti per la pianificazione dei pasti, la spesa e la preparazione. Tuttavia, il miglior approccio al trattamento e alla gestione dei disturbi alimentari prevede una combinazione di professionisti interdisciplinari; e lavorando insieme come una squadra, possono sviluppare un metodo completo di trattamento delle malattie e migliorare il benessere mentale, fisico ed emotivo della vittima.

In conclusione, i disturbi alimentari includono anche la sindrome da ruminazione e la condizione di pica, l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa, le abbuffate, l’assunzione di cibo restrittiva. La gestione e il trattamento comportano l’assunzione di antidepressivi e altre forme di farmaci che migliorano i disturbi. Inoltre, la partecipazione attiva dei genitori nel guidare i bambini contro i disturbi alimentari, insegnando diete sane. Il trattamento può includere anche la psicoterapia, i farmaci, l’approccio di Maudsley e la consulenza nutrizionale.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.