Ipertensione (Ipertensione): cose che devi sapere

Agosto 11, 2021

L’ipertensione (HTN), altrimenti nota come ipertensione (BP), è una condizione per cui la pressione sanguigna è alta. Di conseguenza, la forza finisce per essere esercitata contro le pareti arteriosa e altri principali vasi di sangue nel corpo umano. Di solito, la lettura della pressione sanguigna rappresenta i numeri superiore e inferiore. Il numero superiore è la pressione sistolica (SBP), il che significa che la forza che il cuore spinge alle pareti delle arterie in ogni battito cardiaco. Il numero inferiore è la pressione diastolica (DBP) che rappresenta la forza che il cuore spinge alle pareti delle arterie tra i battiti cardiaci. Per diagnosticare adeguatamente i casi di ipertensione, è quindi essenziale misurare la pressione sanguigna in due o tre giorni diversi. La pressione sanguigna sistolica deve leggere 120 mmHg o meno in questi giorni e la pressione sanguigna diastolica deve leggere 80 mmHg o meno. Alcuni dei fattori di rischio comuni di ipertensione sono disturbi, diete malsane come consumare molto sale, alimenti contenenti grassi trans elevati e grassi saturi e quantità insufficienti di verdure e frutta. Inoltre, un individuo può essere a rischio di ipertensione a causa di una storia familiare di HTN, malattie renali, vecchiaia, obesità, stile di vita sedentario, uso di tabacco, alcol e abuso di droghe.

Sintomi di ipertensione

Generalmente, l’ipertensione si presenta nella maggior parte delle persone con mal di testa, mancanza di respiro, dolore toracico, epistassi, compromissione visiva, affaticamento, aumento della frequenza cardiaca. Tuttavia, alcune persone con ipertensione possono essere asintomatiche, riferendosi così all’ipertensione come a un killer silenzioso. L’ipertensione può essere diagnosticata solo misurando la pressione sanguigna, che di solito è un’attività indolore e veloce.

Tipi di ipertensione

Esistono due tipi principali di ipertensione. L’ipertensione primaria è anche nota come ipertensione essenziale, ipertensione secondaria e ipertensione del mantello bianco.

Ipertensione primaria o essenziale

L’ipertensione primaria o essenziale è un tipo di ipertensione in cui le sue cause sono sconosciute e contribuisce per il 95% a tutti i casi di ipertensione. Questo tipo di ipertensione viene solitamente identificato quando un paziente ha visite mediche due o tre volte nell’ufficio del clinico.

I fattori legati all’HTN primario sono l’elevata resistenza periferica, l’alterazione della membrana cellulare correlata ad alti lipidi, la disfunzione endoteliale, i cambiamenti nei livelli di sodio o calcio, l’iperinsulinemia, l’iperattività simpatica del sistema nervoso causata dall’insensibilità delle baroreflessi, la disregolazione del sistema renina-angiotensina, la ridotta capacità di espellere sodio ambientale, stile di vita e fattori dietetici.

Ipertensione secondaria

Questo tipo di ipertensione contribuisce al 5% di tutti i casi di ipertensione. L’HTN secondario può essere causato da diverse malattie come malattie renali croniche, reni policistici, malattie renovascolari, coartazione aortica, Sindrome di Cushing, feocromocitoma, iperparatiroidismo, apnea del sonno, aldosteronismo primario e farmaci come contraccettivi orali, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come ibuprofene, consumo cronico di alcol, assunzione eccessiva di caffeina, integratori a base di erbe come Ma Huang (efedra), erba di San Giovanni, droghe ricreative come cocaina e metanfetamina mphetamine.

Ipertensione del Camice Bianco

È un aumento della pressione sanguigna quando un paziente visita l’ufficio di un clinico. Questa pressione sanguigna anomala è solitamente dovuta all’ansia o al disagio di avvistare un clinico con un camice bianco. Sebbene questo sia un tipo instabile di ipertensione, spesso maschera la diagnosi effettiva di ipertensione. Tuttavia, è necessaria una diagnosi adeguata per differenziarla dalla vera ipertensione.

Classificazione dell’ipertensione

L’ipertensione è classificata in base ai risultati o alle letture ottenute dalla misurazione della pressione sanguigna utilizzando un dispositivo noto come sfigmomannometro in millimetri di mercurio (mmHg) come unità di misura standard. Ci sono quattro (4) categorie di pressione sanguigna negli adulti.

La pressione sanguigna normale è quando la pressione sanguigna sistolica (SBP) è pari o inferiore a 120 mmHg e la pressione sanguigna diastolica (DBP) è pari o inferiore a 80 mmHg. L’elevata pressione sanguigna è quando l’SBP è compreso tra 120 mmHg e 129 mmHg e il DBP è inferiore a 80 mmHg. L’ipertensione dello stadio 1 è quando l’SBP è compreso tra 130 mmHg e 139 mmHg e il DBP è compreso tra 80 mmHg e 89 mmHg. Inoltre, l’ipertensione dello stadio 2 è quando SBP è uguale o maggiore di 140 mmHg e il DBP è equivalente o maggiore di 90 mmHg.

Fattori di rischio di ipertensione

Ci sono diversi fattori di rischio associati all’ipertensione. Questi includono età, diabete mellito, iperlipidemia, fumo, obesità, assunzione eccessiva di alcol, insufficienza renale e ridotto numero di nefroni, genetica, razza, assunzione eccessiva di sale e mancanza di attività fisica.

Diagnosi di ipertensione

Una diagnosi adeguata è fondamentale prima di iniziare un paziente con farmaci antipertensivi. Di seguito sono necessari alcuni test diagnostici prima che cambi lo stile di vita terapeutico (TLC) o il trattamento farmacologico. Elettrocardiogramma, glucosio nel sangue; emoglobina, ematocrito, pannello di chimica completo in particolare potassio sierico, calcio, magnesio, analisi completa delle urinarie, creatinina, tasso di filtrazione glomerulare stimato, test di funzionalità epatica, emoglobina glicosilata (emoglobina A1c) e pannello lipidico a digiuno (da 9 a 12 ore di digiuno). Inoltre, monitoraggio della pressione sanguigna ambulatoriali ed ecocardiogramma.

Prevenzione e trattamento dell’ipertensione

La modifica dello stile di vita è uno dei mezzi per prevenire l’ipertensione. Un individuo può raggiungere questo obiettivo evitando la maggior parte dei fattori di rischio modificabili associati all’ipertensione. Pertanto, il trattamento dell’ipertensione comprende il trattamento non farmacologico e il trattamento farmacologico.

Trattamento non farmacologico dell’ipertensione

È un intervento in cui i farmaci non comportano il trattamento dell’ipertensione. Include il mantenimento del peso corporeo appropriato: indice di massa corporea (BMI di 18,5 -24,9 kg / m2), adottando la dieta Dietary Approaches to Stop Hypertension (DASH), USDA Food Pattern Diet o la dieta American Heart Association (AHA). Inoltre, limitare il sodio alimentare a meno di 2,4 g al giorno, aumentare l’attività fisica e ridurre il consumo di alcol. Questo approccio funziona meglio nella prevenzione dell’ipertensione nelle persone con pressione sanguigna normale e pressione sanguigna leggermente elevata.

Trattamento farmacologico dell’ipertensione

L’intervento farmacologico prevede l’uso di farmaci (antipertensivi) per il trattamento dell’ipertensione. Farmaci come gli inibitori enzimatici convertitivi dell’angiotensina (ACEI): Lisinopril ed Enalapril; bloccanti del recettore dell’angiotensina II (ARB): Telmisartan e Losartan; bloccanti del canale del calcio (CCB): Amlodipina e Nifedipina; beta-bloccanti (BB) noti anche come agenti bloccanti beta-adrenergici: Metoprololo e Carvedilol; inibitori della renina: Aliskiren; vasodilatatori periferici: Hydralazine e Minoxidil; diuretici come i tiazidi: clorotiazide e clotalidone; diuretici ad anello: Furosemide e Torsemide; diuretico parsimonioso: Spironolattone ed Eplerenone sono per il trattamento dell’ipertensione.

L’ipertensione o ipertensione è un grave problema di salute cardiovascolare e se non trattata può causare compromissione visiva che porta a cecità, insufficienza renale, ictus, infarto, insufficienza cardiaca o persino morte. L’HTN è considerato un killer silenzioso perché la maggior parte delle persone ipertensive sono asintomatiche e, quindi, non controllano adeguatamente la loro malattia. Pertanto, i farmaci e i cambiamenti dello stile di vita terapeutico, specialmente in combinazione, vengono utilizzati per trattare questa malattia in modo più efficace. I farmaci antipertensivi di solito funzionano rilassando i vasi sanguigni, riducendo così la pressione sanguigna. Tuttavia, l’effetto collaterale più comune dei farmaci antipertensivi è l’ipotensione che può portare a cadute. Inoltre, lo squilibrio elettrolitico è un problema con l’uso di diuretici per il trattamento dell’ipertensione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.