Obesità: oltre ad essere in sovrappeso

Agosto 10, 2021

A livello globale, ogni 100.000 decessi, il 60% delle mortalità è causato dall’obesità. Il sovrappeso e l’aumento dell’indice di massa corporea (IMC) definiscono l’obesità in base a studi epidemiologici. La malattia è multifattoriale, che ha continuato a devastare il mondo fin dall’inizio del 1980. Qualsiasi età o sesso è suscettibile alla malattia indipendentemente dalla loro configurazione etnica, economica e geografica. Da allora, la malattia ha registrato un’impennata costante in 50 anni e attualmente è classificata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come una pandemia globale che ha bisogno di interventi immediati. L’obesità porta ad altre malattie croniche come il cancro, l’ipertensione e i disturbi cardiovascolari, tra le altre malattie acute. Pertanto, questo saggio si concentrerà sui tipi di obesità, i suoi fattori causali, i trattamenti e la gestione.

Tipi di obesità

Ci sono tre categorie di obesità: obesità di classe I, classe II e obesità di classe III. L’obesità di classe I è considerata medicalmente obesità a basso rischio. Le persone con questo tipo di obesità hanno il loro indice di massa corporea (IMC) che varia tra 30 e 34,9 kg / m2. Tuttavia, l’obesità di classe I rende i suoi pazienti più suscettibili al diabete. L’obesità di classe II è obesità moderata in termini di rischio. Clinicamente, le persone con IMC che vanno da 35 a 39,9 kg/m2 sono classificate come obesità di classe II. L’obesità di classe II porta al diabete mellito di tipo 2. Il diabete di tipo 2 e l’obesità sono disturbi metabolici complessi con comorbilità specifiche. I pazienti con obesità di classe III sono altamente suscettibili al diabete mellito. Studi di ricerca più recenti indicano che l’80% della popolazione generale con diabete di tipo 2 era sovrappeso o obeso. L’obesità di classe III è l’obesità ad alto rischio, con un IMC equivalente o superiore a 40 kg/m2.

Cause dell’obesità

I geni influenzano il peso corporeo di un individuo. Alcune persone hanno ereditato malattie come il Cushing e le malattie tiroidee, che portano all’obesità. Le malattie geneticamente causate promuovono la resistenza all’insulina, aumentando così l’IMC di una persona. I geni aiutano anche nella compensazione dell’assunzione di energia nel corpo umano. Pertanto, alcuni geni non risponderanno adeguatamente all’apporto calorico di una persona, portando all’obesità. Il recettore genetico più noto che porta all’obesità è il recettore della melanocortina 4 (MC4). L’obesità causata da fattori genetici è dovuta alla carenza del recettore MC4 nei pazienti obesi. Anche i comportamenti alimentari sono ereditati, il che fa parte dell’obesità indotta geneticamente.

Fattori epigenetici come cambiamenti nell’espressione di microRNA, microRNA non di co-coding e metilazione del DNA causano anche obesità. I fattori epigenetici causano obesità a causa di cambiamenti e modifiche nei comportamenti dello stile di vita come il mangiare e l’esercizio fisico. Tuttavia, sono ancora in corso ulteriori ricerche per valutare e presentare maggiori informazioni su come i fattori epigenetici rendono gli individui suscettibili alla malattia.

L’ambiente contribuisce anche principalmente all’obesità. Ad esempio, le persone che provengono da centri urbani hanno molte funzionalità integrate che limitano gli esercizi fisici. Attualmente, la società vuole cose che semplificano la vita. Gli edifici hanno ascensori e alcuni ambienti non consentono di camminare; invece, promuovono la guida. L’ambiente fornisce anche agli individui alimenti economici altamente trasformati carichi di zucchero che causano obesità. Pertanto, l’ambiente è l’agente causale più diffuso per le malattie. Sulla base della maggior parte degli studi di ricerca, le nazioni con alti tassi di obesità, come Stati Uniti, Europa e Messico, hanno cibi economici carichi di zucchero facilmente accessibili. I ristoranti di queste regioni vendono in grandi porzioni questi cibi carichi di zucchero.

Fattori psicologici come emozioni, umore, depressione e ansia causano anche obesità. Ad esempio, lo stress causa cambiamenti di appetito, che portano all’obesità. Emozioni, ansia e stati d’animo causano obesità addominale altrimenti nota come obesità tronca o centrale. Malfunzionamenti psicologici come le funzioni di ippocampo compromesse portano ad un aumento dell’assunzione di cibo o binge eating, riducendo così l’obesità. Il binge eating è psicologico perché alcuni pazienti hanno una costante stimolazione della fame nel cervello. Dopo un così alto apporto di cibo, il metabolismo o la digestione diventa un problema, quindi l’obesità. Psicologicamente, la maggior parte dei pazienti con obesità ha attirato la maggior parte della loro attenzione sul cibo. Alcuni pazienti mangiano anche in risposta allo stress emotivo. Ad esempio, un individuo consumerà cibo carico di zucchero per alleviare lo stress. Come tale, la persona inizia ad aumentare di peso portando all’obesità. Lo stress mina l’autocontrollo di una persona, quindi non può limitare l’assunzione di cibo. Pertanto, il corpo trova difficile funzionare correttamente, rallentando il metabolismo e aumentando l’appetito. Questi alimenti carichi di zucchero fanno abbandonare alle persone cibi sani e spostano completamente le loro abitudini alimentari per consumare cibi ipercalorici.

Trattamento

L’obesità può essere trattata e gestita attraverso vari interventi. Il trattamento dell’obesità comprende la gestione della malattia, le sue implicazioni associate e l’applicazione di un approccio appropriato per contrastarne gli impatti. Gli interventi e i trattamenti dipendono anche dagli agenti causali e dall’acutezza o dallo stadio dell’obesità. Gli interventi hanno i loro significativi effetti collaterali unici. In primo luogo, la causa genetica dell’obesità può essere trattata inducendo la componente di crescita dei fibroblasti. Il fattore fibroblasto è un ormone peptidico secreto da vari organi corporei specificamente per aiutare a regolare l’omeostasi. Individui obesi o topi che sono stati somministrati con questo recettore proteico hanno mostrato un robusto declino dell’adiposità. La glicemia dei pazienti e dei topi utilizzati durante i loro esperimenti ha registrato un calo dei livelli di zucchero nel sangue e dei trigliceridi. Anche la secrezione di insulina del paziente obeso è stata aumentata. Tuttavia, il fibroblasto ha una breve durata di vita registrata per essere efficace tra la metà e le due ore dal momento in cui è stato indotto nel corpo. La bassa durata della vita è dovuta all’aumento della filtrazione glomerulare nel rene di un paziente.

L’obesità può anche essere trattata e gestita attraverso interventi clinici chirurgici. La chirurgia efficace è nota come chirurgia bariatrica. La chirurgia clinica è efficace perché porta a una perdita di peso, a tassi di mortalità ridotti e a una ridotta possibilità di sviluppare altre malattie croniche. La chirurgia bariatrica include bypass gastrico, bande gastriche e gastrectomia delle maniche. A livello globale, il 50% dei pazienti obesi opta per la chirurgia bariatrica della gastrectomia delle maniche. La gastrectomia della manica viene eseguita inducendo un tubo dello stomaco allungato simile a una manica e la struttura dello stomaco di curvatura viene rimossa. La maggior parte delle persone preferisce questo tipo di chirurgia bariatrica perché ha tassi di complicanza perioperatoria limitati inferiori all’1%. Il bypass gastrico è la seconda operazione bariatrica preferita in tutto il mondo per i pazienti obesi. Secondo le statistiche, il 40% dei pazienti a livello globale preferisce la chirurgia gastrica. Il bypass gastrico comporta la creazione di un arto Roux, permettendo al cibo di viaggiare dopo essere uscito dalla busta dello stomaco per le digestione pancreatica. La maggior parte dei pazienti ha attualmente abbandonato la fascia gastrica. La statistica prevede che solo il 7% dei pazienti opti per operazioni di fasciatura gastrica. L’operazione di bande riguarda l’indurzione di una struttura compressiva esterna o di un dispositivo posto nella parte superiore dello stomaco. La struttura a bande può essere sgonfiata o gonfiata tramite una porta sottocutanea. L’inflazione o la deflazione consente un aggiustamento della compressione gastrica che limita l’assunzione di cibo e l’ingrandimento da parte dello stomaco.

La modifica comportamentale aiuta anche a gestire l’obesità. Le modifiche comportamentali includono il monitoraggio nutrizionale, l’impegno nell’attività fisica e altre strategie cognitivo-comportamentali. Le strategie comportamentali comportano anche sessioni di consulenza per pazienti obesi che hanno problemi psicologici. I vari interventi fisici si sono dimostrati efficaci quando si tratta di perdere peso nei pazienti obesi. La modifica comportamentale è a basso costo e richiede un cambiamento nei comportamenti dello stile di vita. Alcuni studi di ricerca mostrano che i pazienti che erano iscritti all’attività fisica hanno perso peso fino al 5% rispetto a quelli che erano iscritti alla consulenza psicologica, che hanno perso solo fino al 2%. Pertanto, fornisce che l’esercizio fisico è un comportamento di stile di vita più fruttuoso che può aiutare a ridurre l’obesità. Tuttavia, altri comportamenti di stile di vita come la responsabilità, il monitoraggio dell’assunzione di cibo ogni giorno e le attività fisiche sono altamente efficaci. L’intervento dietetico richiede il consumo di cibo a basso contenuto di carboidrati, grassi bassi e basso contenuto di zucchero.

conclusione

L’obesità è una pandemia silenziosa, che consuma vite umane e impone un pesante onere alle famiglie colpite. La malattia è causata da alcuni agenti che possono essere evitati, mentre alcuni non possono essere evitati. Ad esempio, abitudini di stile di vita come il binge eating e il mancato esercizio fisico. Tuttavia, altri agenti causali inevitabili includono geni, fattori psicologici ed epigenetici. L’obesità è associata all’emergere di varie malattie croniche, tra cui malattie cardiovascolari, diabete e cancro, tra gli altri. Esiste anche in tre categorie, le classi 1, 2 e 3. I pazienti obesi sono altamente suscettibili al diabete. Inoltre, la malattia può essere trattata e gestita attraverso vari interventi comportamentali e trattamenti clinici. La chirurgia bariatrica è un esempio di trattamento clinico e gestione dell’obesità. Uno psicologo offre anche consulenza psicologica a coloro che hanno problemi psicologici. Più efficacemente, i cambiamenti nello stile di vita e nel comportamento sono il migliore di tutti gli interventi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.