Cancro alle ovaie: fasi e trattamento

Agosto 10, 2021

In primo piano, tra le cause più significative di mortalità e morbilità nel mondo c’è il cancro. Principalmente, le complicanze tumorali sono caratterizzate da proliferazione cellulare incontrollata e continua e diffusione nei tessuti circostanti. In particolare, il cancro alle ovaie è attualmente in testa nella traumatizzazione della salute riproduttiva delle donne. È degno di nota che il cancro alle ovaie comprende molteplici condizioni mastri delle ovaie. Esistono vari tipi di cancro alle ovaie a seconda della morfologia al microscopio e del loro trattamento e prognosi. Il cancro alle ovaie viene solitamente scambiato per altri problemi comuni a causa della sua natura sottile. Nella maggior parte dei casi, il cancro alle ovaie mostra solo sintomi in una fase avanzata. Tuttavia, i segni e i sintomi di vari tumori ovarico sembrano mostrare alcune proprietà simili. I tumori ovariani non devono mai essere confusi con le cisti ovariane. Mentre i tumori ovarico sono masse solide, le cisti ovaiche sono solitamente riempite di liquidi.

In particolare, diversi fattori di rischio sono considerati la radice del cancro alle ovaie. Il passato di un kinfolk di cancro alle ovaie è tra i fattori di minaccia significativi associati all’insorgenza del cancro alle ovaie. La ragione del rischio di storia familiare è legata a questioni ereditarie. Sebbene si presume che tenga conto di una percentuale minore di femmine con malignità ovarica, deve essere considerato un fattore di rischio vitale. Marcatamente, una storia familiare di tumori uterina, rettale, colon, seno e ovarico indica un aumento del rischio per le progenie. Anche se in quei pazienti non viene diagnosticata alcuna mutazione genetica, prevale ancora l’aumento del rischio di cancro alle ovaie. Inoltre, la storia personale del cancro o addirittura dell’endometriosi è indicativa di un aumento del rischio di cancro alle ovaie.

Inoltre, le mutazioni genetiche su geni legati al cancro alle ovaie, come i geni BRCA2 e BRCA1, culminano in cancro alle ovaie. Pertanto, le mutazioni genetiche sono tra le cause fondamentali del cancro alle ovaie. Il più delle volte, le mutazioni nei tumori al seno 1 e 2 sono ereditarie. Inoltre, sono legati sia al cancro al seno che alle ovaie, aumentando così la possibilità di cancro alle ovaie. Inoltre, la sindrome genetica ereditaria del cancro del colon-retto non polipoliposico (HNPCC) è anche geneticamente legata al cancro alle ovaie. Circa il 12% delle donne con HNPCC ha una minaccia maggiore di avere un cancro alle ovaie nella loro vita. Inoltre, anche se le donne hanno la possibilità di avere un tumore ovarico a qualsiasi età, le donne anziane rappresentano una percentuale più alta tra quelle con cancro alle ovaie. Inoltre, il rimedio per le donne in menopausa, terapia ormonale sostitutiva, è legato a una proliferata possibilità di avere tumori ovarico, specialmente alle femmine che non hanno subito un’isterectomia.

Si osserva che il cancro alle ovaie ha diversi stadi. Il cancro alle ovaie di fase 1 ha un’eccellente prognosi stabilita. Il tasso di sopravvivenza degli stadi 1A e 1B è di cinque anni per il 90% dei pazienti con tumori di grado 1. L’isterectomia è considerata il trattamento perfetto per il cancro alle ovaie di fase 1, dove vengono rimosse sia le ovaie che le tube di Falloppio. A seconda dell’interpretazione del patologo, un ulteriore trattamento potrebbe non essere necessario se il tumore è di basso grado. Tuttavia, la chemioterapia combinata può essere necessaria quando il cancro è di alto livello. Il cancro alle ovaie allo stadio 2 implica che il cancro si è già diffuso in una o due ovaie e si è diffuso nella maggior parte degli organi all’interno del bacino. Il cancro ovarico allo stadio 2A è quando il tumore si è diffuso nell’ovidotto e nell’utero. Quando il cancro è penetrato nei tessuti del bacino, la fase è denotata come stadio 2B. Sotto la fase 2C, il cancro si è già diffuso ad altri tessuti all’interno del bacino e dell’utero. Inoltre, le tube di Falloppio sono questa fase in cui le cellule tumorali possono essere trovate nell’apertura peritoneale. Circa il 70% delle vittime in questa fase ha un tasso di sopravvivenza di cinque anni. La salpingo-ooforectomia bilaterale e l’isterectomia sono le procedure chirurgiche per i pazienti nella fase 2. Inoltre, la chemioterapia combinata con o senza radioterapia può essere il trattamento raccomandato dopo la procedura chirurgica.

Il cancro alle ovaie di fase 3 implica che il cancro si è diffuso in una o due ovaie intorno al bacino ed è entrato in parti dello stomaco e intorno alle protuberanze linfali. La fase 3A è il luogo in cui il cancro si trova solo all’interno della regione del bacino e può essere visto microscopicamente all’interno dei tessuti del peritoneo. Sotto lo stadio 3B, il tumore si è diffuso al peritoneo e la crescita è lunga circa 2 cm o anche meno. Sotto la fase 3C, il cancro all’interno del peritoneo è più significativo di 2 cm e si è diffuso ai linfonodi. Circa il 39% dei pazienti con cancro alle ovaie ha un tasso di sopravvivenza di cinque anni. L’isterectomia e la salpingo-oophorectomia, oltre al debulking dei tumori intorno ai linfonodi e al bacino e all’addome, sono le procedure chirurgiche preferite. Si raccomanda una chemioterapia combinata seguita da un intervento chirurgico aggiuntivo. La crescita ovarica di fase 4 implica che il cancro si è spostato al di fuori dello stomaco in varie parti del corpo come polmoni o persino fegato. Il tasso di sopravvivenza è maso di dove solo il 17% dei pazienti ha un tasso di sopravvivenza di cinque anni. La rimozione chirurgica dei tessuti cancerosi il più possibile abbinata alla chemioterapia combinata è il rimedio raccomandato.

Sorprendentemente, il trattamento del cancro alle ovaie comporta terapie locali e sistemiche. Il tipo di trattamento considerato come terapia locale include quelli che trattano il tumore senza colpire altre parti del corpo. Le rispettive terapie locali per il cancro alle ovaie sono la radioterapia per il cancro alle ovaie e la chirurgia per il cancro alle ovaie. Considerevolmente, la chirurgia per il cancro alle ovaie è il trattamento primario preferito nella gestione del cancro. La quantità di chirurgia da eseguire dipende da quanto il cancro si è diffuso e dalla salute del corpo. Le donne che possono sopportare bambini con tumori e cancro nella fase iniziale vengono trattate senza rimuovere le ovaie e l’utero. Ancora una volta, ci sono due obiettivi principali nella chirurgia epiteliale del cancro alle ovaie, debulking e messa in scena. La chirurgia non è appropriata quando il cancro non viene messo in scena e debulked. La stadiazione del cancro ovarico epiteliale è necessaria per osservare la diffusione del cancro dall’ovaio. La rimozione dell’utero è chiamata isterectomia; quando si tratta di rimuovere le tube di Falloppio ed entrambe le ovaie, è chiamata salpingo-oophorectomia bilaterale (BSO). Di solito, l’operazione comporta la rimozione dell’omentum e un processo chiamato omentectomia. A volte, il cancro si diffonde all’omentum, un’area che copre il contenuto addominale.

Inoltre, debulking cancro ovarico epiteliale forma un altro obiettivo critico della chirurgia del cancro ovarico, che mira a rimuovere molti tumori senza lasciare tumori visibili. Il debulking è più importante quando si diffonde il cancro alle ovaie nell’addome durante l’esecuzione di un intervento chirurgico. I pazienti con tumori sgonfiati in modo ottimale mostrano una prognosi migliore rispetto a quelli con tumori più grandi durante l’intervento chirurgico. In alcuni casi, la chirurgia ha lo scopo di rimuovere il cancro nei tumori delle cellule germinali ovaiche e ovariane. La salpingo-ooforectomia bilaterale e l’isterectomia sono usate nel trattamento della maggior parte dei tumori ovarico. Se il cancro si trova in un’ovaia e si vuole avere figli, il trattamento comporterebbe la rimozione dell’ovaio e della tube di Falloppio contenenti cancro. Più tessuti devono essere rimossi quando il cancro si è diffuso ovunque nell’ovaio; ciò richiederebbe sia la salpingo-oophorectomia bilaterale, l’isterectomia, sia la chirurgia di debulking.

Marcatamente, la terapia sistemica comprende l’uso di farmaci nel trattamento del cancro alle ovaie. I farmaci utilizzati sono noti come terapie sistemiche a causa della loro capacità di raggiungere le cellule tumorali in tutto il corpo. I farmaci vengono somministrati direttamente nel flusso sanguigno o possono essere somministrati per via orale. A base di cancro alle ovaie, il trattamento farmacologico può comporre terapia ormonale, chemioterapia o terapia mirata per il cancro alle ovaie. Notevolmente, i farmaci o gli ormoni che bloccano gli ormoni sono agenti critici nella terapia ormonale; combattono il cancro. Raramente, il rimedio sistemico viene impiegato per curare il tumore ovarico epiteliale ed è spesso utilizzato nel trattamento dei tumori stromali ovarico. Principalmente, gli agonisti dell’ormone luteinizzante -rilascio di ormoni (LHRH) sono un esempio di farmaci utili nel trattamento del cancro, abbassano i livelli di estrogeni nelle donne in premenopausa. Tali farmaci includono leuprolide e goserelin. Gli agonisti LHRH vengono somministrati per iniezione ogni uno o tre mesi. Alcuni dei suoi effetti collaterali sono sintomi di menopausa come secchezza vaginale e hot flash. Se assunto per un lungo periodo, i farmaci possono causare osteoporosi.

Un altro farmaco in questa categoria è il Tamoxifene ed è spesso usato nel trattamento del cancro al seno. Inoltre, è utile nel trattamento dei tumori stromali ovarico e raramente nel controllo del tumore ovarico epiteliale progressivo. Tamoxifene funziona come un anti-estrogeno in diversi corpi sono s. La terapia con tamoxifene serve a mantenere tutti gli estrogeni che circolano nel grembo di una donna da crescita eccitanti. Allo stesso modo, gli inibitori dell’aromatasi sono farmaci sotto la categoria LHRH che bloccano un’attività enzimatica dell’aromatasi, trasformando altri ormoni in estrogeni quando una donna è in post-menopausa. I farmaci aiutano ad abbassare i livelli di estrogeni delle donne dopo la menopausa. Principalmente, i farmaci trattano il cancro al seno e i tumori stromali ovarici ricorrenti dopo il trattamento. I farmaci vengono presi una volta al giorno come pillole.

Inoltre, la chemioterapia è un altro trattamento sistemico in cui i farmaci vengono utilizzati per trattare il cancro. In questa forma, i farmaci entrano direttamente nel flusso sanguigno in tutte le parti del corpo. La chemio aiuta a uccidere o ridurre piccole quantità di cellule tumorali trovate dopo l’intervento chirurgico, principalmente tumori che si sono diffusi. La chemio viene applicata per iniezione, somministrata per via orale, o tramite catetere dove viene iniettata direttamente nella cavità addominale attraverso la chemioterapia intraperitoneale. Due diversi farmaci sono usati insieme nella chemioterapia per il cancro alle ovaie. I farmaci combinati includono un composto di platino, che è carboplatino o cisplatino, e un farmaco chemio indicato come taxane come paclitaxel o docetaxel. Di solito, il cancro ovarico epiteliale si restringe con la chemio, ma le cellule tumorali crescono di nuovo dopo qualche tempo. Dopo aver applicato la prima chemio e nessun cambiamento evidente si vede per sei o dodici mesi, la stessa chemioterapia utilizzata per la prima volta deve essere utilizzata nel trattamento. La chemioterapia intraperitoneale viene somministrata oltre alla terapia sistemica nel trattamento del cancro che non si è diffuso né debulked. I tumori stromali ovariani non vengono trattati con chemioterapia; sono invece trattati con una combinazione di paclitaxel con carboplatino. Appetito perdibile, perdita di capelli, bizcca, vomito, lesioni alla bocca, eruzioni cutanee dell’afta epizootica e delle mani sono tra gli effetti collaterali delle chemioterapie.

Inoltre, la terapia mirata nel cancro alle ovaie impiega farmaci utili nell’attacco e nell’identificazione delle cellule tumorali, facendo piccoli danni alle cellule normali. Tale trattamento fa sì che l’attacco ai rivestimenti delle cellule tumorali li programmi in modo diverso dal normale. La terapia mirata funziona in modo diverso in ogni somministrazione e influisce sulla crescita delle cellule tumorali, sul processo di divisione e riparazione e sulla loro interazione con altre cellule. Bevacizumab, un tipo di farmaco appartiene alla classe degli inibitori dell’angiogenesi. Il farmaco si attacca al fattore di crescita endoteliale vascolare (VEGF), una sorta di proteina che segnala la formazione di nuovi vasi sanguigni per rallentare o fermare la crescita del cancro. Bevacizumab si restringe o rallenta le crescle epiteliali avanzate associate ai tumori ovarico. Bevacizumab funziona meglio con la chemioterapia e può anche essere somministrato con Olaparib. Gli effetti collaterali di bevacizumab includono mal di testa, ipertensione, bassi globuli bianchi (WBC), stanchezza e sanguinamento. Altri farmaci utili nel trattamento del cancro alle ovaie sono gli inibitori della poli adenosina difosfato-ribosio polimerasi (PARP), tra cui rucaparib, Olaparib e niraparib. Tali farmaci sono noti per rallentare o ridurre i tumori ovarici avanzati nel tempo; si pensa che aumentino la durata della vita delle donne.

In conclusione, si nota che sono stati compiuti progressi nella comprensione del cancro alle ovaie nelle epoche precedenti. Sebbene molto persista non disammecoltato, ad esempio, l’origine del cancro alle ovaie, il suo meccanismo di sviluppo, le conoscenze essenziali per la sua prevenzione e il miglioramento del trattamento. È necessaria una comunicazione efficace nel riconoscimento precoce del cancro alle ovaie e nella gestione di ampie varietà di cancro alle ovaie. Si dovrebbero preferire approcci più operativi per garantire l’auto-gestione e l’assistenza di supporto tra le donne con cancro alle ovaie.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.