Gravidanza: fasi, travaglio e parto

Agosto 10, 2021

Forse la domanda più intrigante è lo sviluppo del feto nel grembo materno a un bambino. La scienza ha fortunatamente descritto il processo in dettaglio e con precisione millimetrica. Lo sviluppo del feto nell’utero avviene in tre fasi chiamate trimestri. Il feto subisce una serie di cambiamenti all’interno di questi trimestri, e i cambiamenti in ciascuno sono distinti. Significa che le modifiche che si svolgono nei trimestri sono riconoscibili l’una con l’altra ma differiscono in altri trimestri. Intorno al periodo di nascita, una madre entra in un periodo di travaglio. Il lavoro comprende la serie di contrazioni del miometrio nell’espulsione del feto completamente sviluppato. Proprio come la gravidanza, si verifica anche in diverse fasi. Il parto è la fase finale della gravidanza in cui il feto maturo, ora un bambino, viene espulso dall’utero. Lo sviluppo embrionale presenta quattro fasi: stadio germinale, gastrulazione,neurulation e significativo sviluppo di sistemi di organi e organi. Questo documento sgerà nelle fasi della gravidanza, del travaglio e del processo di parto.

Lo stadio germinale

Lo stadio germinale è lo stadio che inizia dopo il concepimento, subito dopo che lo sperma e l’uovo si uniscono in uno degli ovidotti. L’uovo fecondato, lo zigote, inizia un viaggio lungo l’ovidotto fino all’utero, dove si verifica l’impianto. Dopo il concepimento, la divisione cellulare avviene dopo circa 24-36 ore. Attraverso la mitosi, la divisione cellulare avviene per formare due, quattro, otto cellule in potenze crescenti di 2. C’è una quantità significativa di zigoti che non attraversano questa fase. Tuttavia, più della metà di tutti gli zigoti attraversa questa fase. Una volta che le cellule si sono divise e hanno formato un totale di otto cellule, è stata posata la fondazione dei molti tessuti che si formeranno. Le cellule si dividono continuamente per formare masse distinte. Alcuni formano la massa cellulare esterna che si sviluppa nella placenta, e il resto forma le masse cellulari interne che formano l’embrione. In primo luogo, le cellule si dividono per formare una massa di cellule chiamate morula, una struttura che assomiglia a una palla di cellule. Successivamente, le cellule dividono e formano una blastocista contenente strati che si sviluppano in varie parti del corpo. I tre strati della blastocista sono l’ectoderma, l’endoderma e il mesoderma. L’ectoderma forma la pelle e il sistema nervoso, l’endoderma forma l’apparato digerente e l’apparato respiratorio e il mesoderma forma il sistema scheletrico e muscolare. Dopo che la blastocista arriva nell’utero, si verifica un processo chiamato impianto. La blastocista si attacca alle pareti dell’utero, che sono vascolarizzate. Il processo causa la rottura di piccoli vasi sanguigni nella parete uterina e provoca sanguinamento che può essere scambiato per mestruazioni. L’impianto provoca un cambiamento nel contenuto ormonale del sangue materno. La rete di vasi sanguigni che si formano nel sito di impianto assicura che il feto sia nutrito.

L’impianto si riferisce all’invasione e all’attaccamento della blastocista all’endometrio dell’utero. Questo processo avviene alla fine della prima settimana negli esseri umani. L’embrione si attacca all’endometrio e forma la placenta invadendo la circolazione materna. L’endometrio e la blastocista devono essere preparati per l’impianto. Un periodo chiamato finestra di impianto in cui sia l’endometrio che la blastocista si preparano per il processo di impianto. Durante questa fase, l’embrione raggiunge una fase di competenza di attaccamento mentre l’endometrio diventa ricettivo all’embrione. Le comunicazioni molecolari tra l’endometrio ricettivo e l’embrione competente sono vitali per il processo di impianto. L’embrione perde la zona pellucida, il suo strato protettivo esterno, e si orienta in modo tale da essere a diretto contatto con l’epitelio dell’endometrio. Il trotroblasto dell’embrione passa quindi attraverso la membrana epiteliale dell’endometrio e invade le cellule stromali interne. Il trofoblasto si sviluppa e si differenzia quindi in varie strutture per formare una placenta. L’embrione si sviluppa quindi rimanendo attaccato all’endometrio. Lo scambio di materiali tra il sangue materno e l’embrione avviene attraverso la placenta. Questa fase si svolge nelle prime due settimane di gravidanza.

Primo trimestre

Durante il primo trimestre, il feto inizia a sviluppare arti, braccia e piedi alla settimana 6 – poi dita e dita dei piedi circa una settimana 10. Durante le settimane 5 e 8, la pelle inizia a svilupparsi, seguita da follicoli piliferi e letti per unghie intorno alla settimana 11. L’intestino del feto inizierà a formarsi intorno alla settimana 8 e il feto avrà avuto due serie di reni. Intorno all’8a settimana, il viso del feto (principalmente le labbra e il naso) avrà recettori tattili. Alla quarta settimana, i nervi ottici (che trasmettono informazioni dagli occhi al cervello) e le lenti si sono già formati, e la retina si è formata entro la settimana sei. Entro la 5a settimana, il cuore del feto, un tubo cardiaco primitivo, ha iniziato a battere in modo indipendente. Pertanto, molti cambiamenti hanno luogo nel primo trimestre. I sintomi più comuni includono mal del mattino, seno tenero, sbalzi d’umore e stitichezza. Questi sintomi rendono il primo trimestre scomodo per alcune madri, mentre ad altri non dispiace.

Secondo trimestre

Durante questa fase, gli organi del feto sono completamente sviluppati e il feto inizia ad avere azioni evidenti. Ad esempio, il bambino sviluppa cicli di sonno in cui i tempi di sonno e veglia sono evidenti alla madre. C’è anche una certa quantità di movimento degli arti. Anche il sistema uditivo è interamente sviluppato in questo momento, il che implica che il feto può percepire il suono. Il feto è anche in grado di deglutire. Per quanto riguarda la madre, la pancia inizia a crescere e mostra un segno di gravidanza. La madre nota anche alcune lievi contrazioni la sera o dopo esercizi fisici. Anche la madre può avere le vertigini. Ci possono anche essere scariche vaginali e crampi alle gambe.

Terzo Trimestre

Il terzo trimestre è la fase finale della gravidanza. Dura circa 12 settimane. Una donna incinta inizia ad essere preoccupata per il suo parto. Diversi cambiamenti fisiologici accompagnano questa fase della gravidanza. Il bambino si muove più spesso, il miometrio dell’utero si contrae più spesso, aumenta la voglia di visitare il bagno, c’è un aumento in occasione di bruciore di stomaco, il seno diventa più prominente e tenero, c’è anche una difficoltà che dormo così come le parti gonfie del corpo in particolare la caviglia, il viso e le dita. Inoltre, ci sono una conservazione definita di ioni come calcio e ferro. Anche le ossa del feto sono completamente sviluppate anche se non così forti. Entro la 36a settimana, il feto di solito risiede nell’utero, di fronte verso la cervice.

Manodopera e consegna

Il lavoro è il processo con cui il feto e la placenta lasciano l’utero. Si svolge in quattro fasi. La prima fase del travaglio è il diradamento e l’apertura della cervice. Le contrazioni dell’utero causano la dilatazione della cervice. L’intensità delle contrazioni varia da persona a persona, anche se le contrazioni diventano più forti con il tempo. Sono spesso scomodi e potrebbero anche non essere così dolorosi. Il secondo stadio di travaglio avviene quando il bambino si muove attraverso la vagina. La cervice è completamente dilatata in questa fase e l’utero continua a contrarsi per spingere il bambino. C’è un’intensa pressione e può essere paragonata a un significativo movimento intestinale. La maggior parte delle donne è irritabile durante questa fase e potrebbe non voler essere toccata o parlata. La baia finalmente si muove attraverso il canale del parto. La terza fase del processo è la consegna della placenta. L’utero continua a spingere fino a quando la placenta viene espulsa circa 15 minuti dopo; la fase finale del lavoro è la fase di recupero. Il bambino nasce e la placenta viene completamente espulsa. C’è una sensazione di gioia e sollievo per la madre, il bambino può iniziare a allattare immediatamente o più tardi. Lo sviluppo dell’essere umano da feto a bambino è iconico; il processo di nascita stesso è un misto di emozione e stupore, l’intero processo è spettacolare e non può essere pienamente compreso.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.